Festival Internazionale della Public History 13-16 novembre 2019

FESTIVAL INTERNAZIONALE DELLA PUBLIC HISTORY

 

FESTIVAL INTERNAZIONALE DELLA PUBLIC HISTORY

II^ EDIZIONE

Storie di comunità e comunità di Storia.

Il ruolo della Public History per la valorizzazione delle comunità locali

13-16 novembre 2019

FOTO GALLERY

++++GRANDE ANNUNCIO++++
E’ con grande orgoglio e piacere che il Cesram e i suoi partner annunciano che il PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SERGIO MATTARELLA ha destinato, quale suo premio di rappresentanza, una MEDAGLIA al Festival Internazionale della Public History!!!

Siamo senza parole.

Guarda la presentazione del festival in occasione del 4 novembre 

Programma FESTIVAL  formato pdf 

TUTTI I MANIFESTI-5TUTTI I MANIFESTI-4TUTTI I MANIFESTI-3TUTTI I MANIFESTI-2TUTTI I MANIFESTI-1

TUTTI I MANIFESTI-5TUTTI I MANIFESTI-4TUTTI I MANIFESTI-3TUTTI I MANIFESTI-2TUTTI I MANIFESTI-1

 

  INFO PER I RELATORI VINCITORI DELLA CALL FOR PAPER

Cari tutti,

-Vi preghiamo di versare la quota di registrazione al Festival di Euro 25 sul conto corrente del Cesram (Banca Intesa San Paolo, causale Festival PH 2019, IBAN IT63N0306967684510749161036)

-Poiché le location sono numerose, abbiamo pensato di mettere a disposizione un servizio navette. Coloro i quali fossero interessati possono consultare la tabella allegata (transfer seminario ) per i costi

-So che molti di voi si sono già organizzati logisticamente: chi di voi non lo avesse ancora fatto e ha bisogno di consigli e info utili per l’accomodation può contattare l’Agenzia Keira Viaggi che è nostro partner e sponsor (sig.ra Erika Pugliese, 3497802523-0832/347631, Keiraviaggi@gmail.com)

-Vi preghiamo, inoltre, di fornirci le vostre info relative a date di arrivo/partenza (con orari), vostro alloggio, esigenze particolari ecc. ecc.

Last but not least, vi preghiamo di effettuare i versamenti, fornirci le vostre info e farci pervenire le vostre prenotazioni per le navette entro il 28 ottobre p.v., al fine di organizzare al meglio la vostra presenza al Festival.

 

Dear all,

here are some essential info:

– we ask you to pay the registration fee for the Festival (Euro 25) on the bank account of the Cesram (Banca Intesa San Paolo, reason:Festival PH 2019, IBAN IT63N0306967684510749161036)

– we decided to provide a shuttle service. Those who are interested can consult the transfer seminario for costs;

– those of you who have not yet provide to accomodation and need useful advice and info can contact the Keira Viaggi, a travel agency which is our partner and sponsor (Mrs Erika Pugliese, +393497802523-+390832 / 347631, keiraviaggi@gmail.com);

– We also ask you to provide us your info regarding arrival / departure (with timetables), your accommodation, special needs, etc. etc.;

-last but not least, please make payments, provide us with your info and send us your reservations for shuttles by October 28th, in order to better organize your presence at the Festival.

 

VENUES

Per scoprire le sedi del festival puoi consultare la Mappa

Vuoi avere tutte le info sul Festival a portata di mano? Scansiona il nostro QR code!frame

 

Concorso di idee per la valorizzazione della storia e delle comunità locali – “L’ulivo tra tradizione e trasformazione del paesaggio” – Progetto Palimpsest

concorso di idee per la valorizzazione della storia e delle comunità locali – “L’ulivo tra tradizione e trasformazione del paesaggio” – Progetto Palimpsest

CALL FOR OPERA “Il mio occhio sull’olivo”

Olive_fruit_on_the_branch_(2007).jpg

Ph. di Aracuano – Opera propria, CC BY-SA 3.0

2° FESTIVAL INTERNAZIONALE DELLA PUBLIC HISTORY

Storie di comunità e comunità di Storia.

Il ruolo della Public History per la valorizzazione delle comunità locali

Il 2° Festival Interazionale della Public History, promosso dal CeSRAM (Centro Studi Relazioni Atlantico-Mediterranee) ed i suoi partners, si svolgerà dal 13 al 16 novembre 2019 tra Lecce, Tricase, Nardò, Copertino e Gallipoli secondo un programma che alternerà e integrerà eventi, mostre, laboratori e performance artistiche integrandole all’interno di un seminario itinerante di riflessione sulla public history. Gli eventi conterranno riflessioni a carattere locale, saggi scolastici, lavori prodotti dalle scuole, performances di artisti locali, laboratori esperienziali, mostre di vario tipo, visite guidate nei luoghi che narrano la storia delle diverse comunità. I seminari, che costituiranno la parte scientifica del Festival, saranno distribuiti nelle cinque sedi e affronteranno le seguenti linee tematiche:

– Public History: temi e problemi aperti (sede Lecce);

– Il mare (presso le sedi di Nardò e Copertino) come cerniera di civiltà, luogo di incontro di comunità differenti, ma anche di divisione e di separazione;

– Le comunità vecchie e nuove (presso Gallipoli), nel contesto della valorizzazione delle differenze e dei processi inclusivi, con particolare attenzione a quelle comunità ormai scomparse, come la Lecce medievale ebraica, o alle comunità nuove che si sono integrate nel tessuto sociale, con riferimento al concetto di “comunità” come chiusa/aperta, ospitale/inospitale;

– La cultura (il patrimonio bibliografico-archivistico e museale, i letterati e gli artisti del nostro territorio, ecc.) e le tradizioni (linguistiche, musicali, gastronomiche, artigianali, ecc.) che permangono e quelle modificate o scomparse a seguito dell’avvento dell’innovazione (sede: Tricase).

I contributi nei seminari sulla Public History saranno pubblicati nel numero speciale della rivista semestrale online e open access «Eunomia. Rivista di Storia e Politica Internazionali», http://siba-ese.unisalento.it/index.php/eunomia, presumibilmente nel secondo numero del 2020 (uscita prevista dicembre 2020).

Nell’ambito del terzo tema “Cultura e tradizioni”, il CESRAM lancia una call dedicata ad artisti della pittura, della scultura e della fotografia dal titolo: .

REGOLAMENTO:

1. le produzioni sul tema potranno spaziare dalla pittura, alla scultura, alla fotografia, alla produzione di manufatti artistici, alle opere a tecnica mista;

2. gli artisti interessati potranno presentare la propria candidatura alla mostra, inviando book fotografico sull’opera con commento artistico, curriculum e dati utili del suo creatore all’indirizzo minerva.academy@libero.it entro, e non oltre, la data del 30 settembre 2019 (pena esclusione)

3. Il Comitato Scientifico, con giudizio insindacabile ed inappellabile, decreterà le opere ammesse alla mostra entro la data del 18 ottobre 2019;

4. L’opera completata ed in grado di essere esposta dovrà pervenire presso la sede dell’Associazione Accademia della Minerva, via C. Colombo 35, 73040 Specchia (LECCE), entro e non oltre la data del 4 novembre 2019 (pena esclusione);

5. la mostra verrà organizzata ed allestita dal Comitato Scientifico;

6. la partecipazione alla mostra non prevede alcuna forma di pagamento;

7. le opere esposte non verranno restituite, resteranno in dotazione del CESRAM con il materiale ad esse relativo e non verranno mai rese pubbliche o esposte prive di corredo biografico dell’autore;

8. questa Call for opera è aperta ad artisti singoli, studi e scuole, pubbliche e private, di tutto il territorio nazionale ed europeo;

9. la partecipazione alla mostra garantirà un attestato di partecipazione e non prevede classifiche di merito e premi;

10. Le opere esposte verranno incluse nella produzione degli Atti del Festival della Public History II ed.

CALL FOR OPERA

2nd PUBLIC HISTORY INTERNATIONAL FESTIVAL

Stories of communities and history communities.

The role of Public History for the enhancement of local communities

The 2nd International Public History Festival, promoted by CeSRAM (Mediterranean-Atlantic Relations Study Center) and its partners, will take place from November 13th to 16th 2019 among Lecce, Tricase, Nardò, Copertino and Gallipoli following a program that will alternate and integrate events, exhibitions, workshops and artistic performances integrating them in a traveling seminar of reflection on public history. The events will contain local reflections, school essays, works produced by schools, performances by local artists, experiential workshops, various types of exhibitions, guided tours of places that tell the story of the different communities. The seminars, which will constitute the scientific part of the Festival, will be distributed in the five venues and will address the following thematic lines:

– Public History: open issues and problems (Lecce);

– The sea (Nardò and Copertino) as a hinge of civilization, a meeting place for different communities, but also a matter of division and separation;

– Old and new communities (Gallipoli), in the context of the enhancement of differences and inclusive processes, with particular attention to those communities that have disappeared, such as the medieval Jewish Lecce, or to the new communities that have integrated into the social tissue, the concept of “community” as closed / open, hospitable / inhospitable;

– Culture (the bibliographic-archival and museum heritage, the writers and artists of our territory, etc.) and the traditions (linguistic, musical, gastronomic, craft, etc.) that remain and those that have changed or disappeared following the advent of innovation (Tricase).

The contributions in the Public History seminars will be published in the special issue of the six-monthly online and open access journal «Eunomia. Journal of International History and Politics “, http://siba-ese.unisalento.it/index.php/eunomia, presumably in the second issue of 2020 (expected release December 2020).

The results of the call will be announced by September 1, 2019.

CALL FOR PAPERS 2° FESTIVAL INTERNAZIONALE DELLA PUBLIC HISTORY

CALL FOR PAPERS

2° FESTIVAL INTERNAZIONALE DELLA PUBLIC HISTORY

 

Storie di comunità e comunità di Storia.

Il ruolo della Public History per la valorizzazione delle comunità locali

 

Il 2° Festival Interazionale della Public History, promosso dal CeSRAM (Centro Studi Relazioni Atlantico-Mediterranee) ed i suoi partners, si svolgerà dal 13 al 16 novembre 2019 tra Lecce, Tricase, Nardò, Copertino e Gallipoli secondo un programma che alternerà e integrerà eventi, mostre, laboratori e performance artistiche integrandole all’interno di un seminario itinerante di riflessione sulla public history. Gli eventi conterranno riflessioni a carattere locale, saggi scolastici, lavori prodotti dalle scuole, performances di artisti locali, laboratori esperienziali, mostre di vario tipo, visite guidate nei luoghi che narrano la storia delle diverse comunità. I seminari, che costituiranno la parte scientifica del Festival, saranno distribuiti nelle cinque sedi e affronteranno le seguenti linee tematiche:

 

–  Public History: temi e problemi aperti (sede Lecce);

Il mare (presso le sedi di Nardò e Copertino) come cerniera di civiltà, luogo di incontro di comunità differenti, ma anche di divisione e di separazione;

Le comunità vecchie e nuove (presso Gallipoli), nel contesto della valorizzazione delle differenze e dei processi inclusivi, con particolare attenzione a quelle comunità ormai scomparse, come la Lecce medievale ebraica, o alle comunità nuove che si sono integrate nel tessuto sociale, con riferimento al concetto di “comunità” come chiusa/aperta, ospitale/inospitale;

La cultura (il patrimonio bibliografico-archivistico e museale, i letterati e gli artisti del nostro territorio, ecc.) e le tradizioni (linguistiche, musicali, gastronomiche, artigianali, ecc.) che permangono e quelle modificate o scomparse a seguito dell’avvento dell’innovazione (sede: Tricase).

I contributi nei seminari sulla Public History saranno pubblicati nel numero speciale della rivista semestrale online e open access «Eunomia. Rivista di Storia e Politica Internazionali», http://siba-ese.unisalento.it/index.php/eunomia, presumibilmente nel secondo numero del 2020 (uscita prevista dicembre 2020).

Gli interventi dovranno prevedere una presentazione (supporto libero) di massimo 15 minuti e dovranno riguardare un progetto/ricerca/percorso/ipotesi di ricerca secondo le strette metodologie e indicazioni della public history, ovvero dovranno essere prodotti “dal basso”, per il pubblico, seguendo una rigorosa metodologia scientifica. I proponenti dovranno inviare le proprie proposte tramite abstract di massimo 300 parole, indicando la linea tematica scelta ed allegando un breve CV entro il 31 luglio 2019 ad entrambi gli indirizzi mail giuliana.iurlano@unisalento.it e kikkasalvatore@hotmail.it.

Gli esiti della call verranno comunicati entro il 1 settembre 2019.
CALL FOR PAPERS

2nd PUBLIC HISTORY INTERNATIONAL FESTIVAL

Stories of communities and history communities.

The role of Public History for the enhancement of local communities

 

 

The 2nd International Public History Festival, promoted by CeSRAM (Mediterranean-Atlantic Relations Study Center) and its partners, will take place from November 13th to 16th 2019 among Lecce, Tricase, Nardò, Copertino and Gallipoli following a program that will alternate and integrate events, exhibitions, workshops and artistic performances integrating them in a traveling seminar of reflection on public history. The events will contain local reflections, school essays, works produced by schools, performances by local artists, experiential workshops, various types of exhibitions, guided tours of places that tell the story of the different communities. The seminars, which will constitute the scientific part of the Festival, will be distributed in the five venues and will address the following thematic lines:

 

Public History: open issues and problems (Lecce);

The sea (Nardò and Copertino) as a hinge of civilization, a meeting place for different communities, but also a matter of division and separation;

Old and new communities (Gallipoli), in the context of the enhancement of differences and inclusive processes, with particular attention to those communities that have disappeared, such as the medieval Jewish Lecce, or to the new communities that have integrated into the social tissue, the concept of “community” as closed / open, hospitable / inhospitable;

Culture (the bibliographic-archival and museum heritage, the writers and artists of our territory, etc.) and the traditions (linguistic, musical, gastronomic, craft, etc.) that remain and those that have changed or disappeared following the advent of innovation (Tricase).

 

The contributions in the Public History seminars will be published in the special issue of the six-monthly online and open access journal «Eunomia. Journal of International History and Politics “, http://siba-ese.unisalento.it/index.php/eunomia, presumably in the second issue of 2020 (expected release December 2020).

The interventions must include a presentation (free support) of maximum 15 minutes and must relate to a project / research / path / research hypothesis according to the strict methodologies and indications of the public history, following a rigorous scientific methodology. Proposers must submit their proposals through abstracts of max 300 words, indicating the chosen topic line and attaching a short CV by 31 July 2019 to both email addresses giuliana.iurlano@unisalento.it and kikkasalvatore@hotmail.it.

The results of the call will be announced by September 1, 2019.

 

 

 

Numero di Eunomia da dedicare al 1917. Scadenza: 15 novembre 2017

Nel dicembre 2017 il fascicolo di Eunomia, rivista semestrale on-line di storia e politica internazionali, sarà dedicato interamente al 1917, nel senso lato degli avvenimenti di quell’anno. Chiunque voglia contribuire al fascicolo può rivolgersi ad Antonio Donno [antonio.donno@unisalento.it].

La scadenza per la consegna dei saggi è improrogabilmente il 15 novembre di quest’anno.